Home PageStyle newsIl guardaroba 3.0 secondo Pitti

Si conclude oggi “That’s Pitticolor”, l’88esima edizione di Pitti Immagine Uomo a Firenze centrata sul tema colore, elemento che la prossima estate dominerà nel guardaroba maschile.
Molte sono le novità proposte dall’evento, ma una più di tutte ha fatto notizia: la sezione OPEN, ovvero un’area interamente dedicata a collezioni di ricerca, ad abiti e accessori unisex, pensati per essere indossati da lui ma anche da lei.

Che qualcosa stava cambiando è perso chiaro durante le ultime passerelle dello scorso inverno quando abbiamo visto i modelli di Gucci sfilare ricoperti di fiocchi e pizzo. Oggi Pitti ufficializza questa nuova corrente “multichannel” dove non è il genere a caratterizzare le collezioni, ma lo stile, nudo e crudo.
Accade così che le forme del corpo scompaiano sotto i capi annullando la specificità di genere. Oppure che la stessa scarpa artigianale, espadrillas, slipper e Derby sia sviluppata nella numerazione completa, dalle misure da uomo a quelle da donna. Borse e zaini sono realizzate per unico consumatore senza distinzione di sesso, dinamico e sempre più sofisticato. Anche gioielli e fragranze artigianali si orientano sempre più verso una pluralità dei destinatari. E’ il guardaroba 3.0 che nega le barriere di genere.

Nella foto un’immagine dalla collezione unisex di Var/City che mixa stile formale e sportswear (pittimmagine.com)

Tags: ,